Cuore di madre

Cuore di madre (a mia madre)

Sprazzi di luce e
timori di ombre
dimorano spesso
in fondo ai tuoi occhi,
impauriti e sgomenti,
che hanno spento il colore
sulle agonie di tramonti,
sull’atroce e oscuro
sentiero dell’amore
d’un tratto reciso
dal tempo caino
che invecchia,
percuote
e strema le membra,
poi disprezza,
dilania,
distacca
i corpi, gli affetti, le vite.

E il profondo dolore
che fende e deride
il respiro alle vene,
che tarpa, crudele,
le impalpabili ali,
come l’infuocata luce
sul vespro d’agosto,
alla piccola
e inerme falena,
non scalfisce,
non ha leso,
non ferirà
il tuo infinito
cuore di madre.

Salemi ( TP ), 13 maggio 2017

Mio logo GDB
©copyright Gioacchino Di Bella

L’uso del testo e/o delle immagini contenute su questo sito, sia per intero che parziale, senza previa autorizzazione è proibita. Per ogni uso delle immagini e dei testi siete pregati di contattare l’autore con largo anticipo, mediante e-mail. Il contenuto di questa pagina e tutti i contenuti del sito (testi, immagini ecc.) sono di proprietà  intellettuale dell’autore e sono soggetti a “Riproduzione Riservata“; né è, quindi, vietata, ai sensi della Legge 633/41, la riproduzione, anche parziale, senza esplicita autorizzazione scritta.

In classifica