Tre anni

Tre anni

Tre anni senza te, padre.
Tre anni senza le tue parole.

Tre anni senza i tuoi racconti
che erano storie di maestro,
storie d’altri tempi,
tempi in cui le parole
valevano lacrime e oro.

Tre anni senza la voce
dei tuoi occhi che
erano per me e con me
nell’insulsa e stupida fola
che tu fossi immortale.

Ma, inesorabile, giunge
l’esazione amara
del grave balzello,
dovuto e incassato,
per il prezioso beneficio
della luce e delle ombre
delle ore e dei giorni,
della polvere di gloria,
della gioia prigioniera
vissuti su questa
goccia di galassia
vagante nell’Infinito.

Gioacchino Di Bella

Porto Palo di Menfi (AG), 16 settembre 2018, h. 16.55

©copyright Gioacchino Di Bella

L’uso del testo e/o delle immagini contenute su questo sito, sia per intero che parziale, senza previa autorizzazione è proibita. Per ogni uso delle immagini e dei testi siete pregati di contattare l’autore con largo anticipo, mediante e-mail. Il contenuto di questa pagina e tutti i contenuti del sito (testi, immagini ecc.) sono di proprietà  intellettuale dell’autore e sono soggetti a “Riproduzione Riservata“; né è, quindi, vietata, ai sensi della Legge 633/41, la riproduzione, anche parziale, senza esplicita autorizzazione scritta.

In classifica